Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa godere di tutte le funzionalità del nostro sito. Continuando a navigarlo ne accetterai l'utilizzo.

Cosa facciamo

Accoglienza in Italia di minori Bielorussi

Indice articoli

Principi ispiratori

  • L’accoglienza come “condivisione”:

L’iniziativa di accoglienza deve essere svolta come “condivisione” reciproca delle realtà dell’altro. Quindi, sia come condivisione con i bambini ospiti delle realtà delle nostre famiglie, sia come condivisione, nelle nostre famiglie, delle loro realtà bielorusse.

  • L’accoglienza come “servizio”:

L’iniziativa di accoglienza deve essere vissuta come “servizio” ai bambini ospitati ed assolutamente non come momento e gesto di gratificazione della famiglia ospitante. Proprio perché “servizio”, alla famiglia ospitante è richiesto il massimo sforzo per fare le cose che servono ai bambini ospitati, alla loro salute, alla loro crescita, al loro benessere.

  • Il rispetto e la cultura della diversità:

Il servizio di accoglienza deve essere caratterizzato dalla massima disponibilità, nel pieno rispetto della personalità, della cultura, della realtà sociale e delle tradizioni dei singoli bambini, del loro essere diversi e dei loro ritmi e stili di vita, spesso radicalmente diversi dai nostri, nella profonda convinzione che le diversità e le differenze rappresentano sempre opportunità e occasioni di crescita e di arricchimento.

  • Il calore della famiglia:

È importante che i bambini ospitati siano toccati da un ambiente famigliare che possa dare loro una speranza in un’esistenza migliore e soprattutto fiducia e volontà di crescere e migliorare.

Nel breve periodo che trascorrono a casa nostra, dobbiamo riuscire a far loro provare cosa sia una famiglia, facendo loro sentire il calore di una famiglia; speriamo, in questo modo, di metterli in condizione, al momento opportuno, avendolo provato, di essere, a loro volta, in grado di costruire quella famiglia in cui, alcuni, non hanno avuto la fortuna di poter crescere.

Nello stesso tempo, però, non dobbiamo assolutamente mai pensare di sostituirci alla loro famiglia d’origine: dobbiamo invece fare ogni sforzo per far capire ai nostri piccoli ospiti che siamo solo una famiglia di amici, presso la quale trascorrono un periodo di vacanza.

  • Senso comunitario dell’accoglienza:

Le nostre iniziative di accoglienza sono pensate e gestite non come iniziative di singole famiglie per singoli bambini, bensì come iniziative di gruppi di famiglie per gruppi di bambini.

 

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

In collaborazione

world-map

Realizzato in collaborazione tra l’Ass. Comitato Girotondo ed il Centro Servizi per il Volontariato Vol.To

Webmaster: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ultime news

More inNews